fbpx

‘Signore e signori’ addio

  • On 9 Ottobre 2020
di Chiara Campolo

Dal primo di ottobre Japan Airlines ha smesso di usare la frase “signori e signore” negli annunci in inglese negli aeroporti e a bordo degli aerei. Lo scrive Mainichi, quotidiano nipponico in lingua inglese.

La decisione è stata presa per includere clienti appartenenti a minoranze sessuali visto che la frase esclude persone appartenenti alla comunità LGBT che non si identificano nel maschile o femminile. JAL ha introdotto nuovi modi di rivolgersi ai passeggeri dal 1º Ottobre.

La frase, presente nel manuale della compagnia, veniva sempre usata all’inizio degli annunci in inglese fatti durante l’imbarco, la discesa, e all’inizio dei servizi a bordo, sia su voli internazionali che su voli nazionali usati da passeggeri stranieri. Veniva usata anche quando lo staff in aeroporto annunciava l’ora dell’imbarco alla porta d’imbarco.

Nel 2014, JAL decise di rendere effettiva una “dichiarazione di diversità”, e ha lavorato per creare un ambiente in cui i vari membri dello staff – a prescindere dal sesso, età, nazionalità, etnia, religione, disabilità, orientamento sessuale, identità di genere, ecc. – possano lavorare attivamente. Verranno quindi fatti cambiamenti alla frase e al manuale.

Da Ottobre, tutti gli assistenti di volo hanno iniziato ad usare “buongiorno” “buon pomeriggio” o “buona sera” seguito da “a tutti”, oppure “attenzione, a tutti i passeggeri.” Lo staff in aeroporto ha iniziato ad usare frasi simili.

La frase “signori e signore” è stata eliminata anche dai servizi metropolitani a New York e a Londra, poiché esclude le persone non-binary.

Le altre compagnie aeree giapponesi, che usano la frase “signori e signore” negli annunci di volo, hanno spiegato che considereranno che cosa fare “in base alle opinioni dei clienti ed altri fattori”.

0 Comments