fbpx

Coronavirus, British toglie penali per cambio data

  • On 5 Marzo 2020
Un nuovo Airbus A350 di British Airways (photo credit British Airways)
di Stefano Campolo

British Airways è la prima compagnia aerea europea a cancellare le pesanti penali previste in caso di cambio data su un biglietto già acquistato. L’iniziativa è stata comunicata sul sito ufficiale della compagnia e rimane in vigore per tutti i voli prenotati tra il 3 e il 16 marzo 2020. La compagnia britannica cerca così di fare fronte all’emergenza Coronavirus e di andare incontro ai passeggeri sempre più preoccupati per il diffondersi del virus.

Il principio di British è offrire la possibilità di prenotare un volo in totale sicurezza, con la certezza di poter modificare la data di partenza. Queste le regole previste:

– La tariffa ‘zero change’ si applica alle nuove prenotazioni su qualsiasi rotta effettuata da martedì 3 marzo a lunedì 16 marzo 2020.
– È possibile cambiare la prenotazione con una qualsiasi data nei prossimi 12 mesi.
– La tariffa è disponibile anche sui pacchetti volo + hotel e volo + auto. Le commissioni di cambio hotel zero si applicano fino a 48 ore prima del viaggio, a meno che non sia specificato come non modificabile.
– Si applica comunque qualsiasi differenza tariffaria.

In queste settimane diverse compagnie aeree hanno sperimentato fino al 50 per cento di “no show”, cioè di viaggiatori che pur avendo acquistato un biglietto non si imbarcano. Diverse compagnie stanno rilassando le rispettive politiche sul cambio data, rinunciando alle penali nel tentativo di sostenere una domanda drasticamente calata.

“Poiché alcuni clienti possono scegliere di modificare o ritardare i loro piani di viaggio al momento, è importante offrire loro una maggiore flessibilità”, ha dichiarato Andrew Brem, Chief Commercial Officer di British Airways. “Rinunciando alla nostra tassa sul cambio data, i nostri clienti possono avere la sicurezza di prenotare un viaggio con British Airways adatto a loro”.

I viaggiatori restano preoccupati per i rischi finanziari del viaggio, oltre che per quelli legati alla salute, anche se le probabilità di contrarre il virus su un aereo rimangono alquanto basse.  La maggior parte delle compagnie assicurative, infatti, sta considerando il COVID-19 un ‘evento noto’, quindi è improbabile che le persone che acquistano biglietti e assicurazioni siano coperte per spese mediche o di annullamento a causa del virus.

0 Comments