Swiss, servizio a 4 stelle anche sul corto raggio

  • On 21 Febbraio 2019
L’aeroporto di Zurigo, hub di Swiss (photo credit Stefano Campolo)
di Stefano Campolo

Il luogo comune fa venire in mente orologi di marca, gli alpeggi d’alta quota curati come giardini, il cioccolato e le banche. Se pronunci Svizzera, gli aerei non sono tra i primi pensieri a fare capolino. Eppure la compagnia aerea di bandiera elvetica vanta un servizio eccellente, una delle 41 compagnie al mondo a ottenere 4 stelle da Skytrax, azienda indipendente specializzata nella valutazione dei servizi aerei. Swiss nasce nel marzo 2002 dalle ceneri di Swissair, l’allora compagnia di bandiera seppellita dai debiti e dalla concorrenza. Rilevati i diritti di volo di Crossair e ristrutturata dagli investitori istituzionali, in pochi anni Swiss International sana le perdite e comincia a macinare profitti. Saltato un accordo con British Airways e l’alleanza Oneworld, nel marzo 2005 entra nella sfera di Lufthansa e dal primo luglio 2007 è parte integrante del gruppo omonimo da cui acquisisce il programma fedeltà Miles & More, la partecipazione all’alleanza aerea più ampia al mondo, Star Alliance e altri vantaggi in termini di economie di scala.

I miei primi voli con Swiss risalgono al periodo appena successivo all’avvento del gruppo tedesco, nel 2008, quando la compagnia aerea tentava di farsi largo sulle rotte transatlantiche con prezzi stracciati promuovendo Zurigo al rango di hub europeo. Allora avevo apprezzato il servizio curato e attento della compagnia su alcuni voli di lungo raggio. Recentemente, sono tornato a bordo degli aerei Swiss su tratte europee per constatare come il servizio on line, a terra e a bordo sia rimasto a livelli molto alti anche rispetto agli standard delle più grandi compagnie aeree continentali.

Swiss conta oggi una flotta di 90 aerei, età media 9.6 anni, con cui serve 84 destinazioni europee e 22 intercontinentali collegando Zurigo con Nord e Sud America, Africa, Medio Oriente e Asia.

Ecco un resoconto dettagliato del viaggio

Compagnia Swiss

Rotta da Venezia a Bruxelles via Zurigo

Distanza
Venezia – Zurigo 196.5nm o 364km

Zurigo – Bruxelles 260.7nm o 483km

Voli LX 1661 e LX 782

Aereomobile
Venezia – Zurigo Embraer E190 da 112 posti in configurazione 2-2
Zurigo – Bruxelles Bombardier Cs 300 da 145 posti in configurazione 2-3

Programma Fedeltà Miles & More, il programma di Lufthansa esteso a tutte le compagnie del gruppo

Classe
Economy posto 7A da Venezia a Zurigo e 8A da Zurigo a Bruxelles.

Durata del volo
da Venezia a Zurigo 49 minuti con partenza ritardata di 18 minuti per il traffico intenso e arrivo in orario. Le statistiche di Flightstats indicano che il servizio accumula raramente ritardi superiori ai 30 minuti ed è puntuale nell’82 per cento dei casi.

da Zurigo a Bruxelles 52 minuti con partenza e arrivo in orario.

Spazio tra i sedili e comfort
Sul primo volo da Venezia, fatto con l’Embraer 190, lo spazio tra i sedili è di 32 pollici, pari a 81,28 centimetri, molto generoso per la categoria economica. Quei tre-sei centimetri in più rispetto alla media delle sedute di economica in Europa fanno una grande differenza e restituiscono un senso di relax e quasi di privacy che inclinano naturalmente verso il buon umore.

Sul secondo volo, effettuato con Bombardier CS300, lo spazio è di 31 pollici, pari a 78,74 centimetri, la misura standard per questo tipo di aereo. Chi è abituato alle costrizioni delle low cost, apprezzerà comunque il senso di spazio intorno a sé. Solo chi è alto più di un metro e novanta rischia di toccare con le ginocchia lo schienale di fronte. I sedili sono morbidi e comodi, ben foderati e pulitissimi.

Configurazione posti Venezia Zurigo 2-2 su 28 file, per un massimo di 112 passeggeri. Le prime file sono riservate ai clienti business, con uno status del programma fedeltà molto alto o che hanno acquistato biglietti flessibili. Tuttavia, la cabina non è configurata per avere più classi, quindi sedute e spazi sono identici dalla fila 1 alla fila 28.

Zurigo Bruxelles 2-3 su 30 file per un massimo nominale di 145 posti. In realtà le file dalla 1 alla 6 sono riservate ai clienti business e ospitano un massimo di 3 passeggeri per fila invece di 5 poiché i sedili C ed E risultano bloccati. Il numero massimo di passeggeri scende quindi a 133.

Biglietto e prenotazione
Acquistato sul sito www.lufthansa.com. La conferma con il codice e il biglietto elettronico è arrivata in pochi minuti, seguita a stretto giro di posta dalla fattura. La comodità di fare le ricerche attraverso il sito principale del gruppo consiste nell’avere tutte le soluzioni offerte sulla tratta scelta dalle 10 compagnie aeree e di poterle filtrare per orario, data, prezzo. Lo stesso giorno, per esempio, c’era disponibilità di posti sui voli diretti offerti da Brussels Airlines o su quelli Lufthansa via Francoforte, Air Dolomiti via Monaco e Austrian via Vienna, ma tutti erano decisamente più costosi rispetto all’andata e ritorno della Swiss via Zurigo.

Check-in
Il check-in on line apre 23 ore prima della partenza del volo ed è disponibile sia sul sito web sia via applicazione per smartphone. Il sistema assegna automaticamente un posto a bordo, ma è possibile modificarlo senza sovraprezzo, a patto di trovare libero il posto desiderato. Io però avevo scelto il check-in automatico, inserendo in fase di prenotazione i miei dati anagrafici e quelli del documento di identità. IL giorno prima della partenza mi sono state recapitate le carte di imbarco sulla casella di posta elettronica e via SMS. Poi, ho potuto cambiare il posto in cabina scegliendone uno vicino al finestrino.

Bagagli
Limite di peso di 8 chili per un pezzo di bagaglio a mano in cabina con un biglietto economy e di due pezzi da 8 chili ciascuno con il biglietto business o first. Le misure accettate del bagaglio sono 55X40X23 cm. In aggiunta è possibile portare a bordo un oggetto personale tra i seguenti: borsa, borsa per il computer o tracolla, di dimensioni 40x30x10 centimetri. Inoltre le famiglie con bambini possono portare senza sovrapprezzo un seggiolino di sicurezza, chi ha problemi a muoversi può portare un paio di stampelle o altre protesi.

Per i bagagli in stiva, non sono previsti con la tariffa Light, è possibile registrarne uno fino a 23 chili con la tariffa Classic & Flex, due da 32 chili ciascuna con la tariffa business.

In tutte le tariffe per i bambini piccoli è incluso di diritto il trasporto di un passeggino pieghevole. Inoltre, le tariffe Classic, Flex e Business per neonati danno diritto al trasporto di un bagaglio da 23 kg.
I frequent flyer che acquistano un volo a tariffa Classic e Flex hanno diritto al trasporto di un bagaglio aggiuntivo.

Informazioni dettagliate e aggiornate le trovate qui.

Imbarco
Alle 10 del mattino, l’aeroporto di Venezia è ancora trafficato, sebbene il picco dei voli sia passato da oltre un’ora. Comunque, l’Embraer E190 è troppo basso per i ponti mobili, quindi viene raggiunto con il classico autobus.

Condizioni dell’aereo

Se la Svizzera è associata all’ordine e alla pulizia non è un caso. Entrambi gli aerei erano in perfette condizioni: non una briciola o un pezzetto di carta lasciate per terra, tra i sedili o nelle tasche davanti ai sedili. Il volo su Bruxelles, era poi servito da un Bombardier CS300 nuovo di fabbrica, consegnato a Swiss poche settimane prima. Il programma della casa canadese è stato acquisito da Airbus e rinominato A220 e, a ragione sta avendo un enorme successo con ordini che arrivano da tutto il mondo. I finestrini sono molto più grandi rispetto alla media, il che significa più luce in cabina e minore senso di costrizione; i sedili seguono gli ultimi concetti di ergonomia, sono sottili ma molto comodi e dispongono di tre ganci per giacche o borse. Anche le cappelliere sono concepite per offrire più spazio, sono fissate alla fusoliera a mezzaluna e si aprono dall’alto verso il basso e non viceversa. In questo modo aumentano lo spazio a disposizione in cabina, aumentano lo spazio per i bagagli ed evitano la caduta accidentale di oggetti quando vengono aperte.
L’alloggiamento delle spie sopra la testa contiene uno schermo da 4 pollici da cui viene diffuso il video sicurezza.

Intrattenimento
Sui voli a corto raggio Swiss, in linea con tutte le compagnie aeree europee, offre esclusivamente un magazine mensile, per altro molto curato e rileggibile on line attraverso la piattaforma ISSUU.

Servizio
Gentili e autorevoli, gli assistenti di volo della Swiss lasciano intendere immediatamente ai passeggeri chi comanda a bordo e quali siano i reali compiti del personale su un aereo: garantire la sicurezza, non servire come camerieri d’alta quota. Detto questo, di qualsiasi cosa abbiate bisogno, dalle informazioni sui voli successivi alla necessità di una pastiglia per digerire (a me è successo), non fatevi scrupoli perché ogni richiesta sarà affrontata e risolta con pragmatismo ed efficienza “svizzeri”, in fretta e senza fronzoli per l’appunto.

Food & Drink


Bevande e snack vengono offerti come si conviene alle compagnie aeree tradizionali che vogliono differenziarsi dai vettori low cost. Con Swiss la differenza è marcata per bene.
Sul primo volo, quello del mattino, è stato offerto del caffè più che passabile, in alternativa succhi the e delle bevande alcoliche. Prima di cominciare le operazioni di discesa le hostess passano con un cestino con dei cioccolatini al latte.

Sul secondo volo viene servito un panino. No, non uno di quei residui da supermercato in cui non si riescono a distinguere gli ingredienti tra due fette di pane raffermo incellophanato non si sa da quanto. No, qui si tratta di un panino vero e proprio, una baguette croccante, con mozzarella e salsa, servita in un sacchetto di carta, tipo quelli del panificio sotto casa. Si presenta decisamente bene e sembra pure commestibile. Di sapore non è cattivo, certo non è paragonabile al pane fresco del panificio ma è molto di più di quanto ci si aspetterebbe in aereo in economica.

Frequenza
Da Venezia a Zurigo ci sono tre voli al giorno con Swiss, due il sabato con tariffe a partire da 42 euro a tratta; da Zurigo a Bruxelles i voli giornalieri sono cinque, quattro il sabato e i prezzi partono da 67 euro per singola tratta.

Internet
Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi direttamente al sito web della compagnia. Il sito è in tedesco, inglese, francese, italiano, spagnolo, portoghese, russo, cinese, giapponese, greco.

Testato da
Stefano Campolo il 15 settembre 2018.

0 Comments