La qualità di Fiumicino svetta in Europa

  • On 13 Marzo 2019
La chiarezza della segnaletica a Fiumicino è uno degli aspetti più apprezzati dai passeggeri
di Stefano Campolo

Puntualità, pulizia, efficienza dei varchi elettronici, segnaletica chiara e gentilezza del personale. Sono le caratteristiche che hanno eletto per il secondo anno consecutivo l’aeroporto “Leonardo da Vinci” di Roma il più apprezzato in Europa dai passeggeri in partenza. Nell’indagine periodica condotta da ACI – Airport Council International – l’associazione internazionale degli aeroporti, il principale scalo italiano risulta tra i migliori dieci al mondo. ACI misura in modo indipendente, attraverso interviste ai viaggiatori, la qualità percepita in oltre 300 aeroporti in tutti i continenti componendo i risultati in una classifica suddivisa a seconda del traffico passeggeri sostenuto da ciascuno scalo. Fiumicino, come per il 2017, anche nel 2018 si è visto assegnare il riconoscimento “Airport Service Quality Award” tra gli aeroporti europei con traffico superiore ai 40 milioni di passeggeri l’anno. Per la prima volta, l’hub romano si posiziona in testa alle classifiche europee di gradimento anche tra gli aeroporti di media dimensione, quelli con oltre 25 milioni di passeggeri.

Tra i servizi del Leonardo da Vinci più apprezzati dai passeggeri si confermano i varchi elettronici per il controllo automatico dei passaporti, disponibili per oltre 6 milioni di viaggiatori, con un tasso di utilizzo record a livello internazionale, il comfort generale dell’aeroporto, la pulizia dei terminal e delle toilette, la chiarezza delle informazioni al pubblico, la cortesia del personale aeroportuale, la rapidità dei controlli di sicurezza. Particolarmente gradita anche l’accessibilità dello scalo, grazie al sistema di parcheggi, in grado di garantire sicurezza e comodità nelle aree di sosta vicine ai terminal.

Per l’aeroporto di Fiumicino anche il 2019 è cominciato bene sul fronte della puntualità: secondo le rilevazioni di FlightStats effettuate lo scorso febbraio, disponibili qui, con l’83,45 per cento dei voli partiti in orario, l’aeroporto è il secondo in Europa (il primo è Madrid al quinto posto assoluto) e tra i primi dieci al mondo per puntualità di arrivi e partenze. Dati che confermano gli ottimi risultati conseguiti dallo scalo nel corso del 2018 – certificati anche da OAG – Official Aviation Guide, primaria società internazionale di reportistica aerea – anno in cui l’hub romano si è attestato al 19° posto tra gli scali della sua categoria con una puntualità del 74,09 per cento dei voli.

Eurocontrol, l’organizzazione responsabile del controllo del traffico aereo europeo, ha evidenziato che nel 2018 le traiettorie di avvicinamento all’aeroporto sono risultate del 42 per cento più brevi rispetto agli altri grandi scali europei. Questo ha prodotto un duplice beneficio, sia sulla puntualità dei voli che sull’ambiente, grazie ai minori consumi di carburante degli aeromobili.

Infine, la società di gestione Aeroporti di Roma dichiara positivi anche i risultati nella gestione dei bagagli ‘disguidati’, cioè imbarcati erroneamente su un aereo diverso da quello su cui sale il proprietario. Secondo Adr nel 2018 sono stati solo 0,56 colli ogni 1000 passeggeri in partenza, con un miglioramento del 26 per cento rispetto al valore 2017.

0 Comments