Anno nuovo, stesse minacce ai piloti Ryanair

  • On 19 Gennaio 2019
di Stefano Campolo

Il 2019 sarà un anno cruciale per Ryanair e i suoi lavoratori. L’associazione dei piloti europei – ECA, con base a Bruxelles, denuncia la politica intimidatoria della compagnia irlandese nei confronti dei propri lavoratori e dei sindacati che intendono rappresentarli.

Mentre i negoziati sugli accordi collettivi di lavoro continuano a velocità diverse in tutta Europa, afferma l’associazione, Ryanair persiste nell’utilizzare le minacce come strumento di contrattazione. Entro i primi tre giorni del 2019, nelle trattative con i sindacati di equipaggio di cabina in Spagna, Ryanair ha minacciato la chiusura di due basi nelle Isole Canarie se il personale di cabina non firma il contratto collettivo entro il 18 gennaio. Analoghe minacce e ultimatum erano stati fatti ai sindacati dei piloti l’anno scorso. Un atteggiamento che mina seriamente la fiducia dei piloti nella buona fede di Ryanair. I sindacati dei piloti di diversi paesi hanno sospeso i negoziati a causa di tali minacce.

“Consideriamo le chiusure di base e il ridimensionamento utilizzato da Ryanair come uno spauracchio per costringere i dipendenti alla sottomissione – niente scioperi, niente dispute, nessuna trattativa, basta accettare il nostro “accordo”, dice il presidente di ECA, Jon Horne. “Ryanair ha una lunga storia di comportamenti simili, con il risultato di alienare i suoi dipendenti. Probabilmente i dirigenti hanno già dimenticato che la “nuova Ryanair” dovrebbe essere una versione migliore di se stessa? Qualunque sia la ragione, tale comportamento non è accettabile e mostra un totale disinteresse per qualsiasi forma di normali relazioni industriali, contraddicendo le proprie pretese di stabilire relazioni positive con i sindacati”.

Le minacce di chiusure di basi e ridimensionamenti vari sono state utilizzate in precedenza in diverse occasioni. Costituiscono una tattica intimidatoria o una punizione per i dipendenti che esercitano il loro diritto fondamentale alla contrattazione collettiva e agli scioperi, afferma ECA che riporta una serie di fatti accaduti l’anno scorso.

Nell’autunno del 2018, subito dopo uno sciopero dei piloti in Germania e nei Paesi Bassi, Ryanair ha chiuso la base di Eindhoven e quella di Brema e ne ha ridimensionata un’altra sempre in Germania. Il sindacato pilota olandese VNV ha portato Ryanair in tribunale per contestare questo trasferimento forzato dell’equipaggio a seguito della chiusura della base. Nella sua decisione, la corte distrettuale olandese di Hertogenbosch ha scoperto che Ryanair non è riuscita a spiegare perché il trasferimento dell’equipaggio fosse necessario e ha dichiarato che la decisione di chiudere la base sembrava essere una rappresaglia agli scioperi.

Allo stesso modo, a metà del 2018, Ryanair ha emesso un avviso protettivo a circa 300 piloti e personale di cabina a Dublino, con la minaccia di trasferirli in Polonia o di terminare del tutto i contratti. In precedenza, Ryanair ha chiuso le basi di Marsiglia (Francia), Billund e Copenaghen (Danimarca), nel tentativo di aggirare i sindacati ed evitare i vincoli delle normative locali sul lavoro o sulla sicurezza sociale. A dicembre 2017, a seguito di scioperi che hanno causato la cancellazione di centinaia di voli, Ryanair avrebbe minacciato di imporre sanzioni ai piloti di base a Dublino se avessero chiesto la rappresentanza sindacale.

“Ryanair sostiene che esistono ragioni commerciale per la chiusura delle basi e ridimensiona le minacce”, afferma Horne. “Ma fino ad oggi – come hanno dimostrato i verdetti dei tribunali olandesi – non è riuscita a fornire prove convincenti per sostenere questa affermazione. Invece, diverse minacce di chiusura sono scomparse nel nulla quando i problemi di lavoro sono stati risolti”.

“L’incapacità di Ryanair di impegnarsi in normali relazioni industriali potrebbe costituire una significativa destabilizzazione nel 2019”, afferma il segretario generale dell’ECA, Philip von Schöppenthau. “Ryanair comprende l’impatto sulla vita e sulle famiglie degli equipaggi in queste basi? È giunto il momento per Ryanair – e i suoi azionisti – di considerare come tale “arma” di chiusura delle basi sia incompatibile con la pretesa di stabilire relazioni sindacali positive, con il dialogo sociale e una qualsiasi strategia di fidelizzazione dei dipendenti. A nostro avviso, è semplicemente controproducente e insostenibile”.

0 Comments