Il giorno che il mondo atterrò a Gander

  • On 14 settembre 2018
Gli aerei parcheggiati sui piazzali dell’aeroporto di Gander nei giorni successivi all’11 settembre 2001
di Stefano Campolo

La mattina dell’11 settembre 2001, subito dopo gli attentati al World Trade Center di New York, lo spazio aereo americano fu chiuso al traffico commerciale. Nell’arco di poche decine di minuti, centinaia di aerei dovettero cercare un aeroporto dove atterrare al di fuori del territorio degli Stati Uniti. In totale, 240 voli furono dirottati verso il Canada e 38 di quei voli sono finiti a Gander, cittadina che all’epoca contava meno di novemila abitanti nell’isola del Newfoundland. I cittadini di Gander e delle aree circostanti risposero alla crisi con una generosità e un trasporto che sono diventati proverbiali. Per giorni hanno fornito assistenza, cibo, cure mediche e dato alloggio a 6.579 tra passeggeri e membri dell’equipaggio provenienti da tutto il mondo.

L’evento è diventato il soggetto di un libro, “The Day the World Came to Town: 9/11 in Gander, Newfoundland”, scritto da Jim DeFede e pubblicato nel 2002, di un musical di Broadway, “Come from Away” e di centinaia di articoli e reportage realizzati quasi sempre in corrispondenza con la ricorrenza dell’11 settembre.

Nel 2018 la cittadina canadese ha ricevuto il riconoscimento annuale “Rescuer of Humanity” da parte della fondazione Values-in-Action, un’organizzazione no profit americana.

Singolare la storia, raccontata da una delle assistenti di volo, dell’istituzione della borsa di studio annuale per gli studenti di Lewisporte promossa dai passeggeri del volo Delta 15 in viaggio da Francoforte ad Atlanta e costretto ad atterrare a Gander la mattina dell’11 settembre. Gli oltre 200 passeggeri a bordo furono ospitati e rifocillati nella piccola comunità di Lewisporte a circa 45 miglia dall’aeroporto. Una storia che è un vero e proprio racconto in prima persona di quegli eventi e che vi ripropongo qui sotto tradotta.

Eravamo a circa 5 ore da Francoforte sorvolando il Nord Atlantico e io ero nel mio posto di riposo per l’equipaggio prendendo la pausa di riposo programmata. All’improvviso le tende si aprirono di scatto e mi fu detto di andare in cabina di pilotaggio per vedere il capitano. Appena arrivata il capitano mi ha consegnato un messaggio stampato. Il messaggio era della base di Atlanta, indirizzato al nostro volo, e diceva semplicemente: “Tutte le rotte aeree negli Stati Uniti continentali sono chiuse. Atterrate al più vicino aeroporto”.

Ora, quando un controllore di volo ti dice di atterrare immediatamente senza suggerire quale aeroporto, si può presumere che abbia a malincuore ceduto il controllo del volo al capitano. Sapevamo che era una situazione seria e avevamo bisogno di trovare terraferma rapidamente. Fu presto appurato che l’aeroporto più vicino era a 400 miglia di distanza, dietro di noi, a Gander, sull’isola di Newfoundland.

La richiesta di atterraggio a Gander fatta al controllo del traffico canadese è stata approvata immediatamente. Avremmo scoperto più tardi perché il controllore canadese non ha esitato ad approvare la nostra richiesta. A noi, l’equipaggio in volo, fu detto di preparare l’aereo per un atterraggio immediato. Mentre questo stava accadendo, arrivò un altro messaggio da Atlanta che ci raccontava di alcune attività terroristiche nell’area di New York. Abbiamo informato l’equipaggio in volo che saremmo scesi a Gander e proseguito nella preparazione dell’aereo per l’atterraggio. Pochi minuti dopo sono tornata in cabina di pilotaggio per scoprire che alcuni aerei erano stati dirottati. Abbiamo deciso di fare un annuncio e di mentire ai passeggeri. Abbiamo detto loro che c’era un piccolo problema tecnico sugli strumenti e che dovevamo atterrare a Gander, per un controllo. Abbiamo promesso di dare maggiori informazioni dopo l’atterraggio. Molti passeggeri si sono lamentati, ma questo accade ogni volta ci siano ritardi o dirottamenti.

Siamo atterrati a Gander dopo circa 40 minuti. Sui piazzali c’erano già circa 20 aeroplani provenienti da tutto il mondo. Dopo che abbiamo parcheggiato sulla rampa, il capitano ha fatto il seguente annuncio. “Signore e signori, vi starete chiedendo se tutti questi aeroplani intorno a noi abbiano lo stesso problema con gli strumenti di cui disponiamo. Ma la realtà è che siamo qui per una diversa ragione”. Poi ha continuato a spiegare quel poco che sapevamo sulla situazione negli Stati Uniti. Ci furono forti sussulti e sguardi increduli.

Il controllo di Gander ci ha detto di rimanere fermi. A nessuno è stato permesso di scendere dall’aereo. A nessuno fu permesso di avvicinarsi agli aeromobili. Solo una macchina della polizia dell’aeroporto faceva un giro una volta ogni tanto.

Ci è stato detto che ogni aereo doveva essere scaricato, uno alla volta, e che i vettori stranieri erano considerati prioritari. Eravamo il numero 14 nella categoria statunitense. Nel frattempo cominciarono ad arrivare notizie sulla radio dell’aereo e per la prima volta venimmo a sapere che degli aeroplani si erano schiantati al World Trade Center di New York e al Pentagono a Washington.

Tutti cercavano cercando di usare i loro telefoni cellulari ma non erano in grado di connettersi a causa di un diverso sistema della rete canadese. Solo qualche ora dopo sono arrivate le notizie del crollo degli edifici del World Trade Center e che un quarto dirottamento era terminato con un incidente.

I passeggeri erano totalmente disorientati ed emotivamente esausti, ma rimasero calmi mentre continuavamo a ricordare loro di guardarsi intorno per constatare che non eravamo gli unici in questa situazione. C’erano 37 altri aerei con a bordo migliaia di persone nella stessa situazione. Alle 6 del pomeriggio, l’aeroporto di Gander ci ha comunicato che il nostro turno di sbarco sarebbe stato alle 11 del mattino successivo. Questo ha tolto l’ultimo respiro ai passeggeri e si sono semplicemente rassegnati e hanno accettato queste notizie senza molto rumore e hanno iniziato davvero a entrare in una modalità di passare la notte sull’aereo.

Il gestore dell’aeroporto ci ha promesso ogni cura medica necessaria.

 Fortunatamente non abbiamo avuto alcuna emergenza medica durante la notte. C’era una ragazza alla 33^ settimana di gravidanza e ci siamo presi buona cura di lei. La notte è passata senza ulteriori complicazioni sul nostro aereo, nonostante il disagio. Alle 10:30 del mattino del 12 ci fu detto di prepararci a lasciare l’aereo.

Un convoglio di scuolabus si presentò sul lato dell’aereo, la scaletta fu agganciata e i passeggeri furono portati al terminal per passare attraverso l’immigrazione e le dogane e quindi dovevamo registrarsi presso la Croce Rossa. Successivamente siamo stati isolati dai nostri passeggeri e portati in un piccolissimo hotel nella città di Gander. Non avevamo idea di dove andassero i nostri passeggeri. La Croce Rossa ci ha detto che avrebbero smistato circa 10.500 passeggeri da tutti gli aerei che sono stati costretti ad atterrare a Gander. Ci è stato detto di rilassarci all’hotel e aspettare una chiamata per tornare all’aeroporto, ma non aspettarci quella chiamata per un po’. Abbiamo scoperto la portata degli eventi solo dopo aver raggiunto il nostro hotel e acceso la TV, 24 ore dopo che tutto era iniziato. Abbiamo passato il tempo a girare per la città e godendoci l’ospitalità. Le persone erano tutte molto amichevoli e avevano cominciato a identificarci come “plane people”, la gente degli aerei. Siamo stati tutti benissimo fino a quando non abbiamo ricevuto quella chiamata, 2 giorni dopo, il 14 alle 7 del mattino. Siamo arrivati all’aeroporto alle 8:30 e siamo partiti per Atlanta alle 12:30, con arrivo ad Atlanta alle 16:30 circa. Ciò che i passeggeri ci hanno raccontato è stato edificante e incredibile.

Abbiamo scoperto che Gander e le piccole comunità circostanti, entro un raggio di 75 chilometri, avevano chiuso tutte le scuole superiori, le sale riunioni, le sale pubbliche e qualsiasi altro grande luogo di ritrovo. Avevano convertito tutte queste strutture in aree di alloggio di massa. Alcuni avevano le culle, alcuni avevano la stuoia con sacchi a pelo e cuscini montati. Tutti gli studenti delle scuole superiori erano stati chiamati a fare volontariato per prendersi cura degli “ospiti”.

I nostri 218 passeggeri sono finiti in una città chiamata Lewisporte, a circa 45 chilometri da Gander. Lì sono stati messi in una scuola superiore. Alcune donne che desiderava essere sistemate in una struttura per sole donne, furono accontentate. Le famiglie erano state tenute insieme. A tutti i passeggeri anziani non è stata data alcuna scelta e sono stati portati in case private. La giovane donna incinta, è stata ospitata in una casa privata proprio di fronte a una struttura medica aperta 24 ore su 24 Urgent. C’erano medici reperibili e infermieri sia maschi che femmine disponibili e sono rimasti con i passeggeri per tutta la durata del soggiorno. Telefonate ed e-mail negli Stati Uniti e in Europa erano disponibili per tutti una volta al giorno.

Durante il giorno i passeggeri hanno potuto fare delle escursioni nei dintorni. Alcune persone sono andate in barca nei laghi e nei porti. Alcuni sono andati a vedere le foreste locali. Le panetterie locali sono rimaste aperte per fare il pane fresco per gli ospiti. Il cibo è stato preparato da tutti i residenti e portato alla scuola per coloro che hanno scelto di restare. Altri sono stati portati al ristorante e rifocillati. Sono stati forniti dei gettoni per la lavanderia automatica, dato che tutti i bagagli erano rimasti  sull’aereo.In altre parole, ogni singolo bisogno era stato soddisfatto per quei viaggiatori sfortunati. I passeggeri piangevano mentre ci raccontavano queste storie. Dopo tutto ciò, sono stati riconsegnati all’aeroporto in tempo e senza che uno solo mancasse o fosse in ritardo. La Croce Rossa locale aveva tutte le informazioni sul ritorno a Gander e sapeva quale gruppo doveva partire per l’aeroporto e a che ora.

Quando i passeggeri salirono a bordo, fu come se fossero stati in crociera. Tutti conoscevano tutti gli altri con il loro nome. Scambiavano storie del loro soggiorno, impressionandosi a vicenda con chi aveva avuto l’esperienza migliore. Era sconvolgente. Il nostro volo di ritorno ad Atlanta sembrava una gita di gruppo. I passeggeri erano totalmente legati e si chiamavano l’un l’altro per nome, scambiandosi numeri di telefono, indirizzi e indirizzi e-mail.

E poi è successa una cosa strana. Uno dei nostri passeggeri di business si è avvicinato a me chiedendomi se poteva parlare attraverso l’interfono. Non lo permettiamo mai, ma le circostanze erano eccezionali. Ho detto “ovviamente”. Il passeggero, un medico della Virginia, ha ricordato a tutti quello che avevamo vissuto negli ultimi giorni. L’ospitalità che avevamo ricevuto da degli sconosciuti. Ha inoltre affermato che gli sarebbe piaciuto fare qualcosa per Lewisporte. Ha detto che stava per costituire un fondo fiduciario sotto il nome di DELTA 15 (il numero del nostro volo). Lo scopo del fondo fiduciario è quello di fornire una borsa di studio per gli studenti delle scuole superiori di Lewisporte per aiutarli a frequentare il college. Ha chiesto donazioni di qualsiasi importo ai suoi compagni di viaggio. Quando il documento con le donazioni ci è stato restituito con gli importi, i nomi, i numeri di telefono e gli indirizzi, ammontava a 14.5 mila dollari statunitensi. Il medico ha promesso di donare lui stesso 15 mila dollari e di avviare il lavoro amministrativo per istituire la borsa di studio.

L’iniziativa ha raccolto immediatamente grandi consensi e oggi il fondo su cui si basa, denominato Lewisporte Area Flight 15, ha ottenuto donazioni per oltre 1,5 milioni di dollari.

0 Comments