Eurowings: prezzo ok, servizi meno

  • On 28 agosto 2018
Un A319 di Eurowings in fase di decollo (photo credit Victor)
di Caterina Vianello

Il tempo, in vacanza, è prezioso. Almeno lo è per me, per una scelta – pressoché costante – di privilegiare città a luoghi di villeggiatura o di mare. L’obiettivo è quello di vedere il più possibile, cercando quindi soluzioni di volo che consentano un arrivo la mattina presto del primo giorno e una partenza in serata l’ultimo. Così, quando i primi giorni di giugno ho prenotato un volo diretto per Amburgo, città che avrei visitato e dalla quale sarei partita poi per vedere altri luoghi del nord della Germania, la soluzione offerta dalla compagnia low cost Eurowings che prevedeva un volo diretto (il giorno 20 giugno) alle 8.40 da Venezia con arrivo nella città tedesca alle 10.30 del mattino, mi è sembrata ottima. Anche il prezzo mi è sembrato in linea con la media (35 euro): la prenotazione non era stata fatta con grande anticipo, cosa che forse avrebbe consentito un risparmio maggiore, ma nemmeno troppo a ridosso della data di partenza. Le premesse, quindi, erano buone nonostante le opinioni non troppo entusiaste sulla compagnia riportate nei forum, da parte di viaggiatori non soddisfatti.

L’entusiasmo è tuttavia durato poco, visto che a distanza di circa una decina di giorni dalla prenotazione mi viene comunicato che la compagnia non è in grado di operare il volo come previsto: la nuova programmazione prevede una partenza anticipata di un giorno, con uno scalo a Dusserdorf. I nuovi orari vanificano il mio desiderio di sfruttare appiano il primo giorno di viaggio poiché l’arrivo ad Amburgo è previsto in serata (il dettaglio degli orari è il seguente: 19 giugno, 12.55 partenza da Venezia, arrivo a Dusseldorf alle 14.50. Partenza da Dusseldorf alle 19:20 con arrivo ad Amburgo alle 20:20).

La comunicazione, inviata 8 giorni prima della partenza, è corredata dalla seguente postilla “In case of any additional costs that might occur in connection with the rebooking, you are welcome to forward the relevant receipts for checking”. L’invio della comunicazione al di sotto del termine dei 15 giorni fa scattare una mia immediata replica, inviata sia attraverso il form presente nel sito (inviata per sicurezza in italiano, in inglese ed in tedesco) sia scrivendo un post sulla pagina Facebook della compagnia, citando la normativa dell’Unione europea che prevede l’assistenza e quindi il rimborso della cifra spesa a causa della riprogrammazione del volo (in questo caso una notte di soggiorno in più ad Amburgo). La replica dei gestori della pagina è immediata: viene fornito un indirizzo mail cui segnalare il disservizio ed inviare la richiesta di rimborso. Il sistema genera quindi una risposta automatica (ricevuta 10 giorni dopo la mail) nella quale si comunica che la richiesta sarà elaborata in un tempo di circa 6 settimane.

Il giorno 19 giugno, una volta in aeroporto, anche la partenza non è molto incoraggiante: si comunica un ritardo di 20 minuti da Venezia (con partenza quindi non più alle 12.55 ma alle 13.15), che diventeranno poi circa 45.

Puntuale invece il volo da Dusseldorf, aeroporto nel quale, presso lo sportello della compagnia aerea, è esposta una comunicazione relativa ad uno sciopero del personale di cabina (e che si ipotizza possa spiegare la riprogrammazione del volo).

Il viaggio rispecchia lo standard delle low cost: personale dal servizio asciutto, con comunicazione essenziali e relative più che altro alle possibilità di acquisti in volo; comodità spartana; pulizia da rivedere (sedili e pavimento non danno l’idea di cura particolare, si nota un certo disordine complessivo in tutto il velivolo).

A distanza di circa due mesi dalla comunicazione, ma al di sotto del termine dei 60 giorni, arriva infine la replica della compagnia nella quale si comunica che la richiesta di rimborso è stata accettata e che nell’arco di un paio di settimane si procederà al pagamento di una cifra che, a quanto si riesce ad intuire, è stabilita secondo una sorta di importo standard.

La valutazione complessiva quindi, non può dirsi soddisfacente, malgrado il rimborso.

Nel dettaglio:

Compagnia                  Eurowings

Rotta                           da Venezia ad Amburgo con scalo a Dusserldorf

Volo                            EW9811; EW9038

Aereo              Airbus A 320

Classe             Economy posto 18C e 20 C

Durata del volo
Un’ora e mezza circa, nella tratta da Venezia a Dusserdorf con partenza ritardata di circa 45 minuti (previsto 12.55 partenza – 14.30 arrivo. Poi comunicazione del ritardo e nuovo orario: 13.15 partenza. La partenza effettiva sarà ancora ritardata).

Il volo da Dusseldorf ad Amburgo parte in orario e dura 45 minuti circa.

Spazio tra i sedili e comfort 
30-32 pollici. La configurazione è quella tipica delle low cost, con un senso di costrizione. I sedili sono semplici, abbastanza comodi, non sempre puliti. 162 posti in Economica, 12 in Best

Configurazione posti  3-3 su 31 file, per un massimo di 174 passeggeri.

Biglietto e prenotazione
Acquistato sul sito www.eurowings.com. La conferma dell’acquisto è stata pressoché immediata dopo l’acquisto on line, con invio del biglietto elettronico nella casella di posta ed il riepilogo della prenotazione.

Check-in
Disponibile on line, inserendo numero di prenotazione. E’ possibile scegliere o cambiare il posto senza sovrapprezzi, nonostante il supplemento sia previsto per alcuni sedili in posizioni migliori.

Bagagli
Limite di peso di 8 chili per un pezzo di bagaglio a mano in cabina con una tariffa Basic e di due pezzi da 8 chili ciascuno con la tariffa Best. Le misure accettate del bagaglio sono 55X40X23 cm. Ogni passeggero può inoltre portare a bordo un piccolo bagaglio a mano delle dimensioni massime di 40 x 30 x 10 cm (p.es. borsa per laptop, borsetta, cartella portadocumenti, borsa a tracolla in formato portadocumenti).

Imbarco
L’imbarco avviene dal piano -1 dall’aeroporto Marco Polo di Venezia, con accesso al velivolo dalla scaletta, dopo un breve tratto in minibus.

Condizioni dell’aereo
Nonostante si possa parlare di condizioni generali buone del velivolo, l’aereo non si presenta in ottime condizioni di pulizia: piccole macchie sui sedili, briciole residue e un’impressione generale di cura non sufficiente rimandano un’immagine di trascuratezza o quantomeno di scarsa attenzione ai dettagli e all’ordine.

Intrattenimento
La rivista ufficiale della compagnia, Wings, è curata. Nelle 170 pagine (in media) di cui si compone alterna interviste, articoli di attualità (cultura, cinema, sport), sulle destinazioni servite da Eurowings e sui prodotti acquistabili a bordo.

Servizio
Un saluto e un sorriso all’ingresso, uno al momento dello sbarco. Per il resto, gli assistenti di volo, oltre alle istruzioni e alle informazioni relative all’acquisto di prodotti, snack, cibi e bevande non interagiscono molto con i passeggeri a meno che non ci siano richieste particolari.

Food & Drink
Snack, cibi e bevande sono a pagamento. La scelta non è particolarmente ampia. Immaginiamo che lo sia per tratte più lunghe.

Frequenza
Da Venezia, Eurowings vola verso Dusseldorf (il primo e obbligato scalo, in questo caso) tutti i giorni. Verso Amburgo, il lunedì, il mercoledì, il venerdì ed il sabato.

Internet
Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi direttamente al sito web della compagnia, in lingua tedesca, inglese e anche in italiano.

Testato da
Caterina Vianello il 19 giugno 2018

0 Comments