Coronavirus, già persi 67 millioni di passeggeri

  • On 10 Marzo 2020
L’aeroporto di Malpensa ha perso il 70 per cento dei passeggeri
di Stefano Campolo

Gli aeroporti europei nel primo trimestre 2020 hanno perso 67 milioni di passeggeri. L’impatto dell’emergenza sanitaria dovuta al coronavirus ha fatto segnare un calo del 13,5 per cento del traffico in tutto il continente, con una perdita stimata di 1,32 miliardi di euro di ricavi.

“Per ora, gli aeroporti in Italia sono chiaramente i più colpiti”, afferma Olivier Jankovec, direttore generale di ACI EUROPE. “Ancor prima della decisione di ieri di bloccare l’intero paese, gli aeroporti italiani si sono già confrontati con una drammatica caduta libera del traffico passeggeri, con riduzioni che hanno superato il -60 per cento nella maggior parte delle località durante il fine settimana. Ma ciò a cui si stanno preparando ora è un crollo totale della connettività aerea e la prospettiva di perdere la maggior parte delle loro entrate. Esortiamo il governo italiano a rispondere rapidamente e positivamente alla richiesta presentata dagli aeroporti italiani per misure di supporto di emergenza”.

Nel tentativo di contenere i costi, da questa mattina Sea ha chiuso il satellite centrale di Malpensa. La società ha motivato la chiusura a causa della crisi del traffico aereo per l’emergenza sanitaria Coronavirus. La perdita di passeggeri per Malpensa è intorno al 70 per cento. Rimane aperto il terminal 2, dove opera Easyjet.

Oltre l’Italia, la situazione degli aeroporti si sta rapidamente deteriorando in tutta Europa. “Le compagnie aeree stanno riducendo drasticamente la capacità e annullando i servizi aerei mentre rispondono al calo della domanda derivante dalla perdita di fiducia, dai cambiamenti nelle politiche di viaggio aziendali e dalle misure governative che limitano direttamente o indirettamente la mobilità nei loro sforzi per contenere la diffusione del virus . Di conseguenza, l’epidemia di COVID-19 si sta trasformando in uno shock di proporzioni senza precedenti per il nostro settore. Oltre all’Italia, non possiamo escludere che gli aeroporti altrove ad un certo punto potrebbero anche aver bisogno di misure di soccorso per far fronte alle pressioni dei flussi di cassa e continuare a svolgere il loro ruolo di infrastrutture critiche. Ciò richiederà il sostegno dei governi e della Commissione europea “.

La valutazione iniziale di ACI EUROPE1 sull’impatto dell’epidemia COVID-19 sugli operatori aeroportuali della regione mostra:

– Una perdita di -67 milioni di passeggeri in aeroporto nel primo trimestre del 2020, con un calo del -13,5 per cento del traffico passeggeri in aeroporto rispetto a uno scenario consueto.

– Una diminuzione complessiva di -187 milioni di passeggeri per gli aeroporti europei nel 2020, con un calo del -7,5 per cento in un anno che prevedeva una crescita dei passeggeri del + 2,3 per cento in uno scenario consueto.

– In termini finanziari, una perdita di – 1.320 milioni di euro di ricavi nel solo Q1 rispetto a un normale trimestre finanziario, a causa di minori ricavi aeronautici, minori ricavi commerciali (non aeronautici) e mancati ricavi da assistenza a terra e altri servizi .

Mentre la priorità assoluta per gli aeroporti è la protezione dei passeggeri e del personale e la cooperazione con le autorità sanitarie pubbliche e i partner del settore, questa situazione presenta una serie unica di sfide operative e finanziarie.

Gli aeroporti sono infrastrutture critiche per il funzionamento della società, la necessità di mantenerli pienamente operativi e mantenere la connettività aerea è tanto più rilevante in tempi di crisi sanitarie. Ciò è chiarito dall’OMS (Organizzazione mondiale della sanità) nelle raccomandazioni COVID-19 agli Stati. È quindi essenziale che, in conformità con queste raccomandazioni, i governi considerino i divieti di viaggio e altre misure che interferiscono con la connettività aerea solo come ultima risorsa e per il più breve periodo di tempo. Gli aeroporti hanno anche bisogno che i governi prendano in considerazione l’adozione di protocolli sanitari ad hoc per la gestione delle infezioni del personale aeroportuale, dal momento che quelli standard possono compromettere la continuità operativa e quindi non essere adatti allo scopo. A tale proposito è necessario un coordinamento europeo.

Sul piano finanziario, le pressioni immediate del flusso di cassa che gli aeroporti stanno affrontando li stanno portando ad adottare misure di riduzione dei costi – come congedi volontari non retribuiti, blocco delle assunzioni e differimento di investimenti non essenziali. Tuttavia, l’estensione e la portata delle misure di mitigazione negli aeroporti sono limitate. Il fatto che gli aeroporti debbano rimanere pienamente operativi in ​​tutti i loro componenti accoppiati con le loro strutture di costo prevalentemente fisse limita la misura in cui possono ridurre i costi operativi in ​​gravi recessioni. E poiché le strutture aeroportuali sono per loro natura immobili, ciò significa che gli aeroporti non hanno la capacità di ridistribuire la loro capacità produttiva su altri mercati.

Per far fronte alla crisi, un approccio collaborativo tra aeroporti, compagnie aeree e governi e l’UE è di fondamentale importanza sia ora che come la situazione si sviluppa.

0 Comments