Ciclone Idai, catena umanitaria di British

  • On 22 Marzo 2019
Centinaia di migliaia di persone sono rimaste senza casa per la furia del ciclone Idai (photo credit British Airways)
di Stefano Campolo

Dalla prossima settimana, British Airways distribuirà tutto il denaro raccolto attraverso le sue raccolte di beneficenza “Flying Start” per supportare le persone colpite dal devastante ciclone in Mozambico. Fino al 7 aprile 2019, tutte le donazioni raccolte nelle buste a bordo saranno devolute alle iniziative di soccorso del Comitato d’emergenza per i disastri (DEC) in Mozambico, Malawi e Zimbabwe.

Dal 15 marzo, il Ciclone Idai ha colpito 2,6 milioni di persone e ne ha lasciate centinaia di migliaia senza casa. Secondo l’Onu potrebbe diventare uno dei peggiori disastri meteorologici registrati nell’emisfero meridionale.

“Siamo estremamente orgogliosi della nostra partnership con il Disaster Emergency Committee (DEC) e della nostra capacità”, ha dichiarato Holly Gray, Community Investment Manager di British Airways, “di fornire una risposta rapida in tempi di crisi sfruttando l’ampiezza della nostra rete e la generosità dei nostri clienti. I fondi che raccogliamo contribuiranno a portare aiuti urgenti e salvavita alle persone colpite attraverso la fornitura di kit di emergenza, generi alimentari essenziali, compresse per la purificazione dell’acqua e assistenza sanitaria urgente”.

L’obiettivo immediato e primario del DEC è salvare vite, ma l’effetto del disastro si farà sentire per molti mesi a venire. In tutti e tre i paesi, sono urgentemente necessari lavori, acqua e servizi igienici, cibo, assistenza sanitaria e protezione e sarà necessario un sostegno per aiutare i bambini a continuare la loro educazione, ricostruire i mezzi di sostentamento e rafforzare la resilienza della comunità per resistere ai futuri disastri. L’organizzazione afferma che solo 30 sterline potrebbero fornire coperte per tenere calde due famiglie, 50 sterline potrebbero fornire a una famiglia cibo per un mese e 100 sterline potrebbero aiutare a costruire servizi igienici e impianti di lavaggio per le famiglie che hanno perso la casa.

0 Comments