Brexit: il Regno unito dirà addio allo spazio aereo comune?

  • On 24 giugno 2016
Lo Spazio aereo comune europeo dà accesso a un mercato di oltre 500 milioni di persone in 36 paesi
di Stefano Campolo

L’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, votata dal 52 per cento degli elettori avrà conseguenze anche nel trasporto aereo.

Per l’aviazione, il risultato più probabile del Brexit è che il Regno Unito dovrà rinegoziare con l’UE e gli altri partner i diritti relativi al traffico aereo. Così come Norvegia, Islanda e altri paesi non Eu, potrà continuare a fare parte dello Spazio aereo comune europeo (ECAA). Tuttavia, per mantenere lo status quo dovrà avviare un nuovo negoziato e richiederà al Regno Unito di continuare ad accettare la maggior parte delle norme UE e della legislazione, non solo sul trasporto aereo, ma anche su temi più ampi, incluso le sue quattro libertà fondamentali. Inoltre, il Regno Unito non avrebbe più l’influenza nel determinare tali norme che ha ora in quanto Stato membro dell’UE. Le regole infatti vengono decise in ambito Ue e per i Paesi esterni che aderiscono allo Spazio aereo comune possono accettarle oppure lasciarlo.

La più grande fonte di benefici offerta dall’Ue per l’aviazione del Regno Unito risiede nell’ambito dei diritti di traffico e di nazionalità delle compagnie aeree. Ogni compagnia aerea posseduta e controllata da cittadini di Stati membri dell’UE è libera di operare ovunque nell’UE senza restrizioni di capacità, frequenza o prezzi. La creazione del mercato interno dell’aviazione liberalizzato è stata uno dei catalizzatori più importanti per il rapido sviluppo delle compagnie Low Cost in Europa negli anni Novanta. Oggi, le grandi reti paneuropee di Ryanair, easyJet, Vueling, Norwegian e altre sono costruite basandosi su questo accesso gratuito. La Norvegia non fa parte dell’Unione europea, ma Norwegian Air Shuttle ha parità di accesso al mercato interno europeo del trasporto aereo, grazie allo Spazio aereo comune europeo e, come detto, l’ECAA potrebbe rappresentare una strada perseguita dalle linee aeree del Regno Unito per continuare ad accedere al mercato unico dell’aviazione, post-Brexit.

In effetti, l’ECAA estende il mercato del trasporto aereo liberalizzato al di là degli stati membri dell’Unione Europea, includendo Norvegia, Islanda, Albania, Bosnia-Erzegovina, Macedonia, Montenegro, Serbia e Kosovo. L’ECAA copre 36 paesi e 500 milioni di persone.

Grazie al Brexit, le compagnie aeree britanniche non godranno più di un accesso automatico a questo mercato, anche se è probabile che il Regno Unito negozi qualche forma di continuità nell’accesso a questo mercato. Il modo più ovvio per farlo sarebbe quello di partecipare all’ECAA allo stesso modo di paesi come la Norvegia.

Va notato però che l’ECAA richiede l’accettazione delle leggi dell’aviazione dell’Unione europea e una “stretta cooperazione economica” con l’UE. L’accordo prevede l’espansione dell’ECAA ad altri paesi a due condizioni generali. In primo luogo, devono accettare le leggi dell’aviazione dell’Unione europea e, in secondo luogo, devono stabilire un “quadro di una stretta cooperazione economica, come ad esempio un accordo di associazione” con l’UE.

Può sembrare ragionevole supporre che il Regno Unito sia disposto a continuare ad accettare le leggi dell’aviazione UE, dal momento che lo fa attualmente. Una logica simile potrebbe anche suggerire che il Regno Unito prosegua la stretta collaborazione economica con l’UE. Tuttavia, nessuna di queste ipotesi può essere assolutamente certa. Non risulta facilmente credibile che la Gran Bretagna sia pronta a sottoscrivere accordi che la costringono a osservare le medesime disposizioni europee da cui ha appena votato per allontanarsene.

L’accordo ECAA consente ai paesi extra Ue che di far parte del mercato unico dell’aviazione, a patto che essi accettino le due condizioni sopra indicate, ed è un accordo multilaterale tra l’UE, i suoi singoli Stati membri e gli altri stati che fanno parte del mercato unico dell’aviazione. In teoria, è possibile che almeno una delle nazioni firmatarie si opponga alla modifica della convenzione per consentire la partecipazione costante del Regno Unito dopo che questo ha lasciato l’Unione europea.

Un conto è l’estensione dell’ECAA a paesi relativamente piccoli che forniscono opportunità di mercato per le compagnie aeree dell’UE, ma le cui compagnie aeree non costituiscono una minaccia competitiva. Diverso sarebbe garantire continuità di accesso paneuropeo a compagnie low cost del Regno Unito come easyJet, che hanno contribuito a ridefinire il mercato del trasporto aereo continentale e hanno causato la chiusura di tante compagnie tradizionali.
Nel caso il Regno Unito riuscisse a negoziare il mantenimento nello spazio aereo comune, dovrebbe rispettare una vasta gamma di norme UE. I settori del diritto aeronautico UE e la regolamentazione che il Regno Unito probabilmente avrebbe bisogno di presentare, nell’ambito dell’ECAA, sono ampie. Essi comprendono l’accesso al mercato, la sicurezza, la gestione del traffico aereo, l’ambiente, le questioni sociali (lavoro), i diritti dei consumatori e la regolamentazione economica degli aeroporti.

La nuova strategia aeronautica dell’UE si propone cambiamenti in molte di queste aree, ma solo gli Stati membri dell’UE hanno voce in capitolo nella discussione delle modifiche. Per i membri non-UE si tratta sostanzialmente di un prendere o lasciare. Inoltre, diverse norme UE in settori quali gli aiuti di Stato e la concorrenza, in modo non solo limitato al trasporto aereo, continuerebbero ad applicarsi al Regno Unito.

Tutta da verificare è poi la possibilità del Regno Unito di stabilire un “quadro di una stretta cooperazione economica” con l’UE. E’ un punto fondamentale, non solo per la partecipazione al mercato interno europeo dell’aviazione, ma anche per la sua partecipazione più ampia nel mercato unico. I cosiddetti “accordi di associazione” con l’Unione europea devono essere ratificati da ciascuno Stato membro, di solito offrono ai paesi non UE accesso alla libertà tariffaria di alcuni o di tutti i mercati europei (e l’assistenza finanziaria o tecnica), e spesso includono un libero accordo commerciale. In cambio, in genere richiedono impegni di politica, economica, commerciale, o la riforma dei diritti umani in un paese.
In passato, tali accordi sono stati sia una tappa sulla strada verso la piena adesione all’UE, o un mezzo per un paese non UE di avere alcuni dei benefici comunitari.

Tuttavia, sembra inevitabile che il Regno Unito avrebbe ancora bisogno di essere vincolato da una serie di norme e regolamenti UE se volesse continuare a godere di qualsiasi accesso ai mercati dell’UE. La sua inclusione nell’ECAA sarebbe subordinata all’accettazione di tali vincoli.

In teoria, esiste un’altra possibilità ed è il modello scelto dalla Svizzera di un accordo bilaterale con l’Ue. L’accordo sul trasporto aereo tra il paese elvetico e l’Unione è stato siglato nel 1999 ed è entrato in vigore tre anni dopo. Fornisce reciproco accesso al mercato per le compagnie aeree di entrambe le parti e lega in modo efficace la Svizzera a gran parte della legislazione aeronautica dell’UE. E ‘stato negoziato nel contesto di un pacchetto di altri accordi bilaterali e non è svincolabile. Se uno qualsiasi dei sette accordi bilaterali UE-Svizzera cessa, pone fine anche a tutti gli altri.

L’accordo vincola la Svizzera sulle quattro libertà che costituiscono le basi per il mercato unico dell’UE: beni, servizi, capitale e lavoro. A seguito di un referendum nel 2014 sulla restrizione dell’immigrazione, la Svizzera rischia di violare l’accordo con l’UE sulla libera circolazione delle persone. La violazione ti tale accordo sarà sufficiente per risolvere l’accordo relativo al mercato del trasporto aereo. Non a caso il governo svizzero è in fase di riformulazione proprio della politica di immigrazione, nella negoziazione con l’UE.

Invece di tentare un accordo in stile svizzero con l’UE nel suo complesso, il Regno Unito potrebbe cercare di negoziare, su base bilaterale, nuovi accordi di servizi aerei con ogni singolo membro del suddetto spazio aereo e la Svizzera, o un sottoinsieme di questi paesi. E’ molto probabile che potrebbe facilmente raggiungere accordi di accesso allo spazio aereo per le rotte tra la Gran Bretagna e paesi come la Francia, l’Italia o la Germania.
Tuttavia, al fine di replicare completamente l’accesso al mercato unico dell’aviazione che le sue compagnie aeree attualmente godono, il Regno Unito dovrebbe negoziare con ciascun paese un insieme infinito di regole. Perché easyJet, per fare un esempio, possa volare dal Regno Unito in Spagna e poi dal paese iberico in Italia e da qui in Francia o fare una rotta interna alla penisola, serve un livello di regolamentazione che ora è assicurato solo dall’ECAA, ma dovrà essere completamente rinegoziato se la Gran Bretagna non vorrà/potrà restare nello spazio comune europeo. Da un lato quindi gli accordi bilaterali eviterebbero al Regno Unito di dover sottostare a tutta la normativa europea, ma sarebbero molto più complicati da gestire, anche perché la negoziazione dovrebbe essere fatta paese per paese.
Al di là del mercato interno europeo dell’aviazione, l’adesione all’UE di un paese porta i benefici alle proprie compagnie aeree offerti da accordi sui servizi aerei che vengono negoziati con i paesi terzi a livello dell’UE a nome di tutti gli Stati membri. Il più importante di questi è il cosiddetto accordo sui cieli aperti tra Unione Europea e Stati Uniti d’America, che consente alle compagnie aeree di entrambe le parti di volare da qualsiasi paese dell’UE in qualsiasi parte degli Stati Uniti e viceversa pur non consentendo l’accesso ai mercati nazionali.

Il Regno Unito dovrà trovare il modo di mantenere l’accesso liberalizzato al mercato transatlantico. I membri non-UE Norvegia e Islanda sono anche parti dell’accordo UE-USA e si può supporre che il Regno Unito possa negoziare uno status simile a loro. In alternativa, potrebbe cercare di negoziare un nuovo accordo bilaterale UK-USA, ma questo impedirebbe alle compagnie aeree del Regno Unito la libertà di volare da, diciamo, Roma a New York.
Oltre all’accordo UE-USA, accordi sui servizi aerei esistono a livello europeo con molti altri paesi, tra cui Canada, Marocco, i paesi dei Balcani occidentali, la Giordania, Georgia, Moldavia, Israele e Brasile (quest’ultimo deve ancora essere implementato), e sono in corso negoziati con l’Australia e la Nuova Zelanda. A dicembre dello scorso anno, l’UE ha lanciato un’iniziativa per negoziare accordi di aviazione a livello comunitario, con diversi paesi, compresa la Turchia, la Cina, il Messico, l’Armenia, i paesi dell’area del Golfo (CCG) e, in quello che sarebbe il primo accordo del genere tra due blocchi di paesi, l’Associazione delle Nazioni del Sud-est asiatico (ASEAN). Lasciando l’Unione europea, il Regno Unito dovrò negoziare nuovi accordi di servizi aerei su base bilaterale per sostituire tutte queste offerte a livello di UE.

In conclusione, è difficile immaginare che il Brexit escluda completamente la Gran Bretagna dallo spazio aereo comune europeo, visti soprattutto gli interessi in gioco, ma dopo il voto del 23 giugno i cieli europei per le compagnie aeree inglesi si fanno tremendamente più turbolenti.

0 Comments