Air time, film e tv a bordo via telefono, tablet e pc

Sui voli a corto raggio l’intrattenimento passerà dai dispositivi personali

di Stefano Campolo

easyJet sperimenterà da ottobre servizi di intrattenimento a bordo dei propri aerei distribuiti in wireless direttamente su smartphone, tablet e computer dei passeggeri. I contenuti multimediali saranno disponibili attraverso Air Time. Il portale, al posto dei tradizionali schermi sugli schienali, consentirà di usufruire di programmi televisivi, film, giochi, audio libri, informazioni e guide sulle destinazioni, nello stesso modo in cui vengono utilizzati a casa o in ufficio.

Il portale, assicura easyJet, sarà facile da usare e accessibile attraverso il browser del dispositivo dell’utente che si collegherà alla rete wireless a bordo, anche in modalità aereo. Per garantire che i giovani spettatori siano protetti, tutti i contenuti non adatti ai minori saranno chiaramente contrassegnati e agli utenti verrà chiesto di confermare la loro età per visualizzare il contenuto.

Non è specificato se il servizio avrà un costo o sarà gratuito. Presumibilmente, dopo un periodo di utilizzo gratuito per favorirne la diffusione, Air Time andrà a comporre la sempre più ampia libreria di servizi a pagamento o parzialmente gratuiti. Le compagnie aeree che adottano il modello low cost come easyJet fanno leva su un numero crescente di ricavi ancillari, cioè slegati al puro servizio di trasporto.

“Air Time” sarà inizialmente disponibile su cinque aeromobili easyJet da questo autunno, con in programma di estenderlo a tutta la flotta. Per il nuovo servizio, la compagnia inglese ha siglato un partenariato con Rakuten, specializzata in servizi di connessione e di commercio elettronico e con Immfly, fornitore di piattaforme di servizi digitali a infrarossi.

La compagnia aerea sta verificando la possibilità di sfruttare le nuove tecnologie per semplificare le procedure a cui sottopone i propri clienti. Attualmente sta esplorando applicazioni che migliorino i servizi di self-service digitale, con una particolare attenzione alla voce. Airport Explorer è un’app in sviluppo che risponde ai comandi vocali per aiutare i passeggeri a individuare facilmente le dotazioni aeroportuali. A giugno easyJet è stata la prima compagnia aerea europea a lanciare un’app di Amazon Alexa che consente ai passeggeri di controllare facilmente e rapidamente il loro stato di volo. Durante l’estate, il servizio ha elaborato oltre 30 mila ricerche.

 

0 Comments