2018: più incidenti, ma sicurezza aumenta

  • On 12 Gennaio 2019
Il Boeing 737 di UT Air uscito di pista a Sochi in Russia il 1 settembre scorso. Nonostante abbia preso fuoco, l’incidente non ha causato vittime.
di Stefano Campolo

Il 2018 è stato l’anno peggiore dal 2014 per gli incidenti e le vittime dell’aviazione commerciale, ma la sicurezza aerea continua a migliorare. Sembra una contraddizione, ma il numero di incidenti mortali avvenuto l’anno scorso va messo in prospettiva e commisurato al numero di voli e al numero di passeggeri totali. Anche solo rispetto a quindici o dieci anni fa, il 2018 è stato uno degli anni più sicuri per l’aviazione civile.

La Aviation Safety Network ha rilasciato nei giorni scorsi le statistiche sugli incidenti occorsi ad aerei di linea del 2018, che mostrano un totale di 15 incidenti mortali in aereo, con 556 morti.

A dispetto delle apparenze, e nonostante sia stato il peggiore dell’ultimo quinquennio, il 2018 passa alla storia come il terzo anno più sicuro in assoluto per numero di incidenti mortali e il nono più sicuro in termini di vittime. L’anno più sicuro nella storia dell’aviazione è stato il 2017 con 10 incidenti e 44 vite perse.
Guardando la media quinquennale di 14 incidenti e 480 morti, l’anno scorso è stato peggiore su entrambi i fronti.

Dodici incidenti hanno riguardato voli passeggeri, tre voli cargo. Tre incidenti hanno coinvolto compagnie inserite nella black list dell’Unione europea, vettori a cui i cieli europei sono preclusi per motivi di sicurezza. Un aumento rispetto ai due dell’anno precedente.

In considerazione delle stime sul traffico aereo in tutto il mondo – circa 37.800.000 voli – il tasso di incidenti mortali è di uno ogni 2 milioni e 520 mila voli.
Anche solo rispetto a dieci anni fa il tasso è drasticamente diminuito. “Fosse rimasto lo stesso”, spiega l’amministratore delegato dell’Aviation Safety Network, Harro Ranter, il 2018 si sarebbe chiuso con “39 incidenti mortali. Al tasso del 2000, ci sarebbero stati addirittura 64 incidenti mortali. Questo dimostra l’enorme progresso in termini di sicurezza negli ultimi due decenni”.

Guardando indietro agli ultimi cinque anni, una cosa è chiara: gli incidenti legati alla perdita di controllo degli aerei rimangono un serio problema di sicurezza in quanto questo tipo di incidente è stato responsabile di almeno dieci dei 25 peggiori incidenti. La maggior parte di quegli incidenti non ha avuto sopravvissuti.

Le statistiche si basano su tutti gli incidenti aerei fatali a livello mondiale (voli passeggeri e merci) con aeromobili civili di cui il modello di base è stato certificato per il trasporto di 14 o più passeggeri.
Di conseguenza, l’incidente dell’11 aprile che ha coinvolto un aereo da trasporto IL-76 dell’Aeronautica militare algerina in cui sono morti 257 militari, non è incluso. Includendo gli aerei da trasporto militare, il numero totale di decessi sarebbe 917 in 25 incidenti mortali.

L’Aviation Safety Network è un’organizzazione indipendente con sede nei Paesi Bassi. Fondata nel 1996, ha lo scopo di fornire informazioni aggiornate, complete e affidabili sugli incidenti e sulla sicurezza aerea.

0 Comments